La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Immatricolazioni ai corsi magistrali biennali ad accesso programmato

Art. 7 - Immatricolazioni ai corsi di laurea magistrale biennale ad accesso programmato

1. Requisiti curriculari e prova di accesso. Gli studenti che vogliono immatricolarsi ad un corso di laurea magistrale di durata biennale ad accesso programmato devono possedere specifici requisiti curriculari, da acquisire prima dell’immatricolazione.
Per ottenere i requisiti curriculari previsti per l’accesso, gli studenti già laureati possono iscriversi ai corsi singoli con le modalità descritte all’art.41 del presente Regolamento, mentre gli studenti ancora iscritti possono sostenere esami ex. art. 6 del R.D. n. 1269/38 con le modalità descritte all’art.42 del presente Regolamento.
Oltre a possedere i requisiti curriculari devono sostenere una prova di accesso o affrontare una valutazione comparativa dei titoli, seguendo le procedure indicate nei bandi di ciascun corso di studi, pubblicati almeno 60 giorni prima dello svolgimento della prova sul sito https://corsidilaurea.uniroma1.it

2.   Procedure di immatricolazione. Per immatricolarsi ai corsi di laurea magistrale ad accesso programmato, lo studente che ha superato la prova o la valutazione comparativa dei titoli e risulta tra i vincitori in graduatoria, deve pagare la prima rata del contributo a carico dello studente (o tutte e tre le rate, a scelta). Il mancato pagamento entro la scadenza prevista dai singoli bandi ha valore di rinuncia all’immatricolazione. I posti resisi disponibili a seguito delle rinunce alle immatricolazioni da parte dei vincitori sono messi a disposizione degli altri studenti partecipanti alle prove in base alle norme indicate nei singoli bandi.

3.   Laureandi. Qualora il bando per la prova di accesso al corso lo preveda, potranno partecipare alla prova anche gli studenti della Sapienza non ancora laureati, fermo restando l’obbligo di conseguire la laurea entro il 19 gennaio 2018.
Gli studenti laureandi provenienti da altri atenei italiani dovranno seguire le norme contenute nel relativo bando.