La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Studenti con titolo di studio straniero

Art. 16 - Studenti con titolo di studio straniero

1. Cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti all’estero. Tali cittadini hanno una riserva di posti definita “contingente”.

a. Procedure per l’ingresso, il soggiorno e l’immatricolazione. I cittadini Extra UE regolarmente soggiornanti all’estero, con titolo di studio straniero, che intendono immatricolarsi a corsi di laurea, laurea magistrale a ciclo unico/percorso unitario, laurea magistrale biennale, e che hanno presentato dal 13 aprile 2017 al 7 luglio 2017 (per i corsi ad accesso programmato) o al 25 luglio 2017 (per i corsi non ad accesso programmato) una domanda di preiscrizione, indicando un corso di studi, alla rappresentanza italiana nel Paese ove risiedono, seguono le procedure per l’ingresso, il soggiorno e l’immatricolazione stabilite per l’a.a. 2017-2018 dalla Circolare interministeriale consultabile al seguente link:
http://www.studiare-in-italia.it/studentistranieri/moduli/2017/Circolare2017_2018.pdf.
http://www.studiare-in-italia.it/studentistranieri/moduli/2017/Circolare2017_2018En.pdf (english version)

b. Prova di lingua italiana. Se il corso di studi prescelto è erogato in lingua italiana, lo studente dovrà sostenere la prova obbligatoria di conoscenza della lingua italiana che si terrà in data 1 settembre 2017 nelle sedi indicate nella pagina web della segreteria studenti con titolo straniero sul sito di Ateneo (fatti salvi i casi di esonero previsti nella circolare di cui alla lett.a) del presente articolo)

2. Cittadini italiani, comunitari ovunque residenti; cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia con titolo di studio straniero
I cittadini italiani, i comunitari ovunque residenti e gli extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia, di cui alla legge 189 del 30/07/2002, in possesso di un titolo straniero, accedono ai corsi di laurea o laurea magistrale senza limiti di contingente.

3. Modalità di accesso ai corsi di studio. Per immatricolarsi è necessario partecipare alla specifica prova di ingresso del Corso di studio prescelto attenendosi alle scadenze e alle procedure indicate dai singoli bandi di concorso consultabili su https://corsidilaurea.uniroma1.it alla voce “Iscriversi”. Sia per partecipare alla prova di ingresso che per immatricolarsi è necessario che lo studente si registri al Sistema Infostud https://www.studenti.uniroma1.it/phoenix/#/fp e ottenga il proprio numero di matricola.

4. Documenti per l’immatricolazione. Lo studente si dovrà presentare in Segreteria amministrativa studenti con titolo straniero (Città Universitaria – Palazzo dei Servizi Generali – Scala C – II piano), munito di numero di matricola e dei seguenti documenti:

Se immatricolando a un corso di laurea o laurea magistrale a ciclo unico
a. una fotocopia autenticata del titolo di scuola secondaria tradotto in italiano, legalizzato e con dichiarazione di valore, tutto a cura della Rappresentanza diplomatica italiana (Ambasciata o Consolato) del paese a cui appartiene l’ordinamento dell’Istituto che ha rilasciato il titolo. Tale titolo deve essere stato conseguito al termine di un periodo non inferiore a 12 anni di scolarità.

Se immatricolando a un corso di laurea magistrale
a. una fotocopia autenticata ed una copia semplice del titolo finale degli studi universitari tradotto in italiano, legalizzato e con dichiarazione di valore;
b. una fotocopia autenticata ed una copia semplice del certificato degli studi rilasciato dalla competente autorità accademica, che attesta gli esami superati, tradotto e legalizzato dalla Rappresentanza diplomatica italiana (per i soli corsi in lingua inglese è possibile produrre i certificati sopra indicati in lingua inglese o in alternativa esami e crediti possono essere attestati dal Diploma Supplement, ove previsto);
c. una fotocopia in lingua originale dei programmi dettagliati per ogni disciplina, con indicate le ore di attività didattica teorico-pratica previste per il conseguimento del titolo, con timbro in originale dell’università e con la traduzione in lingua italiana*;
d. fotocopia di un documento di identità (passaporto o carta di identità);
e. fotocopia del visto di studio.

5. Tasse. Gli studenti stranieri comunitari o extracomunitari residenti all’estero per i quali non è possibile calcolare l’Isee ai sensi del Dpcm 159 del 2013, art 8, verseranno una tassazione fissa come da tabella seguente:

Importi fissi per gli studenti stranieri

Provenienti da Paesi in via di sviluppo*
Totale: €500- I rata €150 - II rata €175 - III rata €175

Provenienti da tutti gli altri Paesi
Totale: €1000- I rata €300 - II rata €350 - III rata €350

Agli importi indicati va aggiunta la tassa regionale e - solo per le matricole – l’imposta di bollo, entrambi da versare con la prima rata.

* Elenco dei Paesi in via di sviluppo di cui al Decreto Miur 16 settembre 2015 n. 689
Afganistan, Angola, Bangladesh, Benin, Bhutan, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Central African Republic, Chad, Comoros, Congo Democratic Republic, Djibouti, Equatorial Guinea, Eritrea, Ethiopia, Gambia, Guinea, Guinea Bissau, Haiti, Kenya, Kiribati, Korea Dem. Rep., Lao People's Democratic Republic, Lesotho, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Mozambique, Myanmar, Nepal, Niger, Rwanda, Sao Tome & Principe, Senegal, Sierra Leone, Solomon Islands, Somalia, South Sudan, Sudan, Tajikistan, Tanzania, Timor-Leste, Togo, Tuvalu, Uganda, Vanuatu, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

​6. Mezzi economici di sussistenza. Si ricorda che per ottenere il visto d’ingresso per motivi di studio e, successivamente, il permesso di soggiorno, lo studente straniero deve dimostrare il possesso di mezzi economici di sussistenza per il soggiorno (Circolare Inps n. 8 del 17 gennaio 2017).

7. Corsi singoli. Per quanto concerne l’iscrizione ai corsi singoli si rimanda a quanto previsto dall’art. 41 del presente Manifesto.

8. Rinuncia agli studi. La rinuncia agli studi (di cui all’art. 48), effettuata da cittadini extraUE forniti di permesso di soggiorno per motivi di studio, comporta la perdita del possesso del permesso di soggiorno e quindi l'impossibilità ad iscriversi presso altre Università italiane per lo stesso anno accademico. Per l'iscrizione agli anni successivi bisogna rivolgersi alla Rappresentanza diplomatica italiana competente nel proprio paese nei mesi aprile-giugno e seguire le procedure previste.