La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Iscrizione anni successivi al primo

Art. 25 - Modalità di iscrizione agli anni successivi al primo

1.   Tasse di iscrizione. Per iscriversi ai Corsi di studio ad anni di corso successivi al primo è necessario pagare la prima rata delle tasse universitarie entro il 21 ottobre 2016. Gli importi sono indicati al precedente art. 10. È possibile pagare anche tutte e tre le rate previste in un’unica soluzione, entro la medesima scadenza.
Insieme all’importo delle tasse di iscrizione è necessario versare eventuali arretrati e la tassa regionale per il diritto allo studio. Le modalità di pagamento del bollettino sono descritte all’art. 17.  Le scadenze relative alla seconda e terza rata sono riportate all’art. 18.

2.   Riduzioni in base all’Isee. Se si vuole pagare in misura ridotta, in base al proprio Isee (vedi art.11), è necessario calcolare il proprio Isee 2016 per il diritto allo studio universitario presso un Caf o sul sito dell’Inps entro le scadenze previste per la prima rata. Su Infostud andrà indicata la propria autorizzazione ad acquisire la dichiarazione Isee registrata sulla banca dati Inps. La dichiarazione Isee va rinnovata presso il Caf ogni anno. La dichiarazione valida per l’a.a. 2016-2017 è solo quella relativa all’anno 2016, pertanto gli Isee relativi ad un anno diverso non saranno ritenuti validi e le tasse saranno dovute nella misura ordinaria.
Avvertiamo gli studenti che per l’Isee 2016 per il diritto allo studio sono necessarie diverse settimane, in base alle nuove disposizioni introdotte dal Dpcm 5 dicembre 2013 n. 159, pertanto invitiamo gli interessati a provvedere per tempo recarsi al Caf.

3.   Esami annullabili in caso di irregolarità. Gli studenti non in regola con i pagamenti delle tasse non potranno prenotare e sostenere esami di profitto per l’anno accademico 2016-2017. Eventuali esami sostenuti in difetto del pagamento verranno annullati dalla segreteria.

4.   Pagamenti in ritardo. A partire dal 22 ottobre 2016 e fino al 20 dicembre 2016 lo studente può pagare la prima rata in ritardo. In tal caso, all’importo della rata si applicherà anche una sovrattassa per ritardato pagamento di €65,00 che, se non risulterà presente sul sistema al momento della stampa del bollettino, sarà addebitata sul successivo bollettino di pagamento.

Per i versamenti effettuati a partire dal 21 dicembre 2016 la misura della sovrattassa è pari ad €130,00: il bollettino comprensivo di tale importo potrà essere stampato da Infostud, in caso contrario la sovrattassa sarà addebitata sulla seconda rata.

5.   Rilevazioni delle opinioni studenti. Gli studenti, durante il percorso di studio, sono tenuti alla compilazione dei questionari obbligatori previsti dalle autorità competenti (Miur - Ministero dell’Università e della Ricerca, Anvur - Agenzia Nazionale per la Valutazione dell’Università e della Ricerca, ecc…).