La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Studenti meritevoli

Art. 25 - Studenti meritevoli

1. Contributo di 30 euro per maturità con 100 e 100 e lode. Pagano un contributo unico di importo fisso pari a 30 euro gli immatricolati nell’a.a. 2017-2018 dei corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico che conseguono la maturità nell’a.a. 2016-2017 con voto di maturità pari a 100 o 100 e lode, nel caso in cui non rientrino in più favorevoli ambiti di riduzione di cui all’art 20.
Sono inoltre tenuti al versamento dell’imposta di bollo di 16  euro e della tassa regionale di 140 euro.
Non è prevista la figura dello studente meritevole per i corsi di laurea magistrale biennale.

2. Requisiti per continuare a pagare il contributo di 30 euro anche negli anni successivi (entro la durata normale del corso di studi):

  • essere stati riconosciuti “studenti meritevoli” l’anno precedente a quello per cui si richiede il beneficio;
  • aver conseguito entro il 10 agosto almeno 40 Cfu dell'anno accademico precedente a quello per cui si richiede il beneficio, oltre a tutti i Cfu previsti per gli anni accademici pregressi. Tutti i Cfu devono essere conseguiti con una votazione media di 28/30 e nessun voto inferiore al 27.

Con riferimento ai requisiti necessari per ottenere l’esenzione si precisa che:

  • la media dei voti si intende aritmetica;
  • per la determinazione del merito possono essere considerati anche i crediti previsti dal Manifesto del proprio Corso di studio che invece della votazione in trentesimi sono valutati con “idoneo/non idoneo”.
  • le idoneità e gli esami di profitto devono risultare verbalizzati attraverso il sistema informativo Infostud. Non potranno essere considerate valide quelle idoneità e/o esoneri che – in alcuni Corsi di studio – sono prove in itinere non verbalizzate che concorrono al superamento di un esame, ma non vengono verbalizzate sul sistema informativo;
  • sono considerati validi anche i Cfu ottenuti quale convalida di esami sostenuti all’estero nell’ambito di programmi di mobilità.

Non sono validi ai fini del computo del merito:

  • i Cfu ottenuti con il sostenimento di esami di profitto extracurriculari ex. art. 6 del R.D. n. 1269/38 (art.42)
  • i Cfu ottenuti con il sostenimento di corsi singoli (art. 41)
  • i Cfu ottenuti come convalide per abbreviazioni di corso (art. 49)

In caso di passaggio di corso da un altro corso di studio erogato in Sapienza (art.10) sono computati i Cfu acquisiti nel corso di provenienza e non i Cfu eventualmente ottenuti ad esito di convalida nel corso di destinazione.

3. Cause di esclusione. Chi effettua un cambio di ordinamento (art.38) perde la possibilità di usufruire dell’esenzione come studente meritevole.
Sono esclusi dall’ottenimento di tale beneficio anche gli studenti che siano stati respinti anche una sola volta alle prove d’esame.