La Sapienza - Università di Roma

logo de La Sapienza per la stampa

Centro Teatro Ateneo

Il Centro teatro ateneo è nato come organismo  interfacoltà nel 1981 per gestire le attività del Teatro ateneo, con finalità di  ricerca e di promozione della cultura dello spettacolo. Il Teatro ateneo è l'unico teatro  esistente in un'università italiana e fu costruito nel 1935 come Teatro dell’Università di Roma. Nel 1954 fu fondato l’Istituto del teatro, con il compito primario di programmare l’attività del Teatro ateneo; a esso si appoggiò, dal 1961, l’insegnamento di Storia del teatro e dello spettacolo della Facoltà di Lettere e filosofia, tenuto prima da Giovanni Macchia e poi da Ferruccio Marotti.
Nel 1981 il eettore Ruberti decise di separare l’attività del Teatro ateneo dall’attività didattica dell’Istituto del teatro, trasformato nel 1985 in Dipartimento di Musica e spettacolo. Il Centro teatro ateneo ha organizzato laboratori, seminari, convegni, mostre, pubblicazioni e dal 1987 le stagioni teatrali del Teatro ateneo riprendendo così la propria attività di teatro pubblico, dopo oltre trent'anni di silenzio.
Dall'anno accademico 1995/96 questa importante attività è stata sospesa e il numero di laboratori e seminari ridotto.  L'obiettivo del Centro è stato quello di affiancare all'attività didattica accademica (rappresentata dall'insieme dei corsi di discipline dello Spettacolo) un insieme di iniziative che consentano a tutti gli studenti - a prescindere dalla Facoltà cui sono iscritti - di avvicinarsi al mondo dello spettacolo attraverso una conoscenza diretta del fare e del vedere teatro. Ulteriore finalità è promuovere la ricerca sull'interazione fra il teatro e le nuove tecnologie audiovisive, digitali e multimediali e il loro uso come strumenti di lavoro teatrale e di analisi del teatro.
In passato,  tra gli altri, sono stati professori a contratto di drammaturgia Eduardo De  Filippo, di tecniche originarie dell'attore Jerzy Grotowski, di tecniche di scrittura scenica Dario Fo, di regia Peter Stein, di psicodramma e teatro della spontaneità Ferruccio Di Cori; Gian Maria Volonté avrebbe dovuto iniziare un corso sulla tecnica dell’attore al momento della sua improvvisa scomparsa.