Art. 34 - DECADENZA (SOLO PER GLI STUDENTI DI "VECCHIO ORDINAMENTO", ANTE DM 509/99)

 

1.    Quando si “decade”. Gli studenti fuori corso iscritti a Corsi di studio di vecchio ordinamento decadono dalla qualità di studente se non sostengono esami per otto anni accademici consecutivi, a norma dell’art. 149 del R.D. n. 1592 del 31.8.33 (indipendentemente dal pagamento dei contributi)

La decadenza opera d’ufficio e l’Università non è tenuta ad effettuare comunicazioni agli studenti in merito al loro status di decaduti o in procinto di decadere.

2.    Non si incorre nella decadenza:

a)    se sono stati superati tutti gli esami di profitto e si è in debito unicamente dell’esame di laurea cui si può accedere qualunque sia il tempo intercorso dall’ultimo esame (previo rinnovo dell’iscrizione);
b)    se è stata registrata una bocciatura ad un esame di profitto entro il 31 gennaio dell’ottavo anno successivo alla data di registrazione dell’ultimo esame di profitto sostenuto;
c)    se si effettua un cambio di ordinamento previsto al successivo art. 38;
d)    se si effettua un passaggio ad altro corso di studi.

3.    Restituzione del diploma. Lo studente decaduto può richiedere presso la segreteria amministrativa studenti la restituzione del proprio diploma di maturità, se consegnato all’atto dell’immatricolazione (i Diplomi in originale sono stati consegnati in Segreteria fino all’anno 1998).

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma