Art. 25 - STUDENTI E STUDENTESSE CON MERITI DI STUDIO E MERITI SPORTIVI

 

Contributo di 30 euro per meriti di studio. Pagano un contributo unico di importo fisso pari a 30 euro (più tassa regionale di 140 euro, più imposta di bollo di 16 euro):

-      coloro che si immatricolano nell’a.a. 2022-2023 a Corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico e conseguono la maturità nell’anno scolastico 2021-2022 con voto di maturità pari a 100 o 100 e lode, nel caso in cui non rientrino in più favorevoli ambiti di riduzione di cui all’art. 20;

-      i/le primi/e quattro studenti/esse dell’ultimo anno delle scuole superiori che si classificano nelle prime 10 posizioni nella graduatoria generale delle Olimpiadi di Matematica, e che si immatricolano successivamente al Corso di laurea in Matematica presso Sapienza, nel caso in cui non rientrino in più favorevoli ambiti di riduzione di cui all’art. 20 (in questo caso l’agevolazione per meriti di studio è inserita manualmente dalla Segreteria amministrativa, se lo/la studente/essa non ha conseguito la maturità con votazione pari a 100 o 100 e lode). Tale agevolazione è attribuita ai sensi delle delibere n. 264 del Senato accademico del 23 aprile 2013 e n. 92 del Consiglio di amministrazione del 7 maggio 2013.

-      i/le primi/e due studenti/esse dell’ultimo anno delle scuole superiori che si classificano nelle prime 10 posizioni nella graduatoria generale delle Olimpiadi di Chimica che si iscrivono ai corsi di laurea in Chimica e chimica industriale presso Sapienza, nel caso in cui non rientrino in più favorevoli ambiti di riduzione di cui all’art. 20 (in questo caso l’agevolazione per meriti di studio è inserita manualmente dalla Segreteria amministrativa, se lo/la studente/essa non ha conseguito la maturità con votazione pari a 100 o 100 e lode). Tale agevolazione è attribuita solo per l’anno di immatricolazione, ai sensi delle delibere n. 264 del Senato accademico del 23 aprile 2013 e n. 92 del Consiglio di amministrazione del 7 maggio 2013).

2.    Requisiti per continuare a pagare il contributo di 30 euro per meriti di studio anche negli anni successivi (entro la durata normale del corso di studi) e al Corso di laurea magistrale:

  • essere stati riconosciuti “studenti con meriti di studio” l’anno precedente a quello per cui si richiede il beneficio;
  • aver conseguito entro il 10 agosto almeno 40 Cfu (36 Cfu per i corsi delle Professioni sanitarie) relativi all’anno accademico precedente a quello per cui si richiede il beneficio, oltre a tutti i Cfu previsti per gli anni accademici pregressi. Tutti i Cfu (non solo quelli che concorrono all'ottenimento del beneficio) devono essere conseguiti con una votazione media di 28/30 e nessun voto inferiore al 27. La media dei voti si intende aritmetica.

Nel caso di iscrizione al primo anno della laurea magistrale biennale, in aggiunta ai requisiti suddetti, è necessario aver conseguito la laurea nell’anno immediatamente precedente a quello della richiesta con voto di laurea pari a 110 o 110 e lode.

3.    Cfu ammissibili e inammissibili.

Sono considerati validi:

  • i crediti previsti dal Manifesto del proprio corso di studio che invece della votazione in trentesimi sono valutati con “idoneo/non idoneo”;
  • i Cfu ottenuti quale convalida di esami sostenuti all’estero nell’ambito di programmi di mobilità.

Le idoneità e gli esami di profitto devono risultare verbalizzati attraverso il sistema Infostud.

Non potranno essere considerate valide le idoneità e/o esoneri che – in alcuni corsi di studio – sono prove in itinere non verbalizzate che concorrono al superamento di un esame, ma non vengono verbalizzate sul sistema informativo.

Non sono validi, inoltre, ai fini del computo del merito di studio:

  • i Cfu ottenuti con il sostenimento di esami di profitto extracurriculari ex. art. 6 del R.D.
    n. 1269/38 (art. 42);
  • i Cfu ottenuti con il sostenimento di corsi singoli (art. 41);
  • i Cfu ottenuti come convalide per abbreviazioni di corso (art. 49).

4.    Per chi si laurea in altri atenei italiani. Coloro che si laureano in altri atenei italiani e si iscrivono al primo anno di una laurea magistrale biennale, possono ottenere l’agevolazione “studente meritevole” a condizione che siano stati soddisfatti, presso l’Ateneo di provenienza, i requisiti previsti dal presente articolo commi 1, 2 e 3. La richiesta di agevolazione si presenta entro la scadenza della prima rata – che va pagata per intero – alla Segreteria amministrativa studenti di riferimento, mediante un’autocertificazione in carta semplice relativa agli studi compiuti, indicando in particolare il possesso dei requisiti previsti. Tali studenti non possono inserire autonomamente lo status di meritevole su Infostud. A seguito della verifica dei requisiti, saranno effettuati i conguagli sulle successive rate. Per inviare la richiesta si può utilizzare il modulo “Domanda” disponibile sul sito Sapienza, alla pagina Modulistica studenti, senza applicare la marca da bollo.
Coloro che si laureano in altri atenei italiani e si iscrivono a un corso di laurea magistrale in Sapienza possono concorrere per l'attribuzione delle borse di studio del bando "Wanted the best" se possiedono i requisiti previsti.
Vai alla pagina

5.    Cause di esclusione. Non possono usufruire dell’agevolazione “studente meritevole” coloro che effettuano un cambio di ordinamento (art. 38), un passaggio di corso con riconoscimento dei crediti (art. 10), l’iscrizione al tempo parziale (art. 50), vengono respinti anche per una sola volta alle prove di esame o coloro che sono in possesso di un titolo studio estero.

6.    Studenti/studentesse atleti/e con meriti sportivi

Sono considerati studenti e studentesse atleti/e coloro che risultano regolarmente iscritti/e al primo anno o ad anni successivi di un Corso di studio Sapienza e risultano in possesso di entrambi i seguenti requisiti:

1)    conseguimento di meriti sportivi di particolare rilievo agonistico nazionale ed internazionale, nell’anno solare di presentazione della domanda di iscrizione o nel precedente;
2)    conseguimento di almeno 18 Cfu, per ogni anno accademico di iscrizione; nel caso di studenti/esse immatricolati/e, 6 Cfu dei predetti 18 devono essere conseguiti entro la prima sessione di esami. Sono considerati meriti sportivi di particolare rilievo agonistico, quelli conseguiti da:
a)    i campioni e le campionesse dei giochi olimpici, paralimpici, assoluti o di categoria (italiani, europei o mondiali) nelle discipline olimpiche e/o paralimpiche invernali ed estive;
b)    gli atleti e le atlete convocati/e dalla Federazione di appartenenza per rappresentare l’Italia nelle discipline olimpiche e/o paralimpiche invernali ed estive;
c)    gli atleti e le atlete delle Società degli sport professionistici di squadra di cui alla Legge
n. 91/1981 (legge sul professionismo sportivo) che partecipano ai campionati federali, le cui squadre si siano classificate entro le prime 3 posizioni nell’anno solare di presentazione della domanda di iscrizione o nel precedente.

Nei casi predetti Sapienza concede l’esonero dai contributi di iscrizione ad eccezione del contributo unico di 30 euro di cui all’art. 21 del presente Regolamento.
Coloro che ottengono lo status di atleti devono garantire la partecipazione a 2 iniziative di presentazione e di orientamento organizzate dall’Ateneo, secondo le modalità che saranno individuate, pena la perdita del beneficio l’anno successivo.

La domanda di riconoscimento dello status di studente atleta va presentata ogni anno utilizzando il modulo predisposto e pubblicato sul sito web dell’Università https://www.uniroma1.it, nella sezione Modulistica studenti, ed inviandolo per email alla Segreteria amministrativa studenti di riferimento, per l’a. a. 2022-2023 entro il 3 novembre 2022.

Alla domanda dovrà essere allegata la documentazione idonea a comprovare il merito sportivo come sopra indicato. Tale documentazione deve essere rilasciata o dalla Federazione nazionale di riferimento o dalla Società sportiva di appartenenza per gli atleti di cui alla lettera c). Entro la predetta data il richiedente è tenuto a pagare, secondo le consuete modalità, la complessiva somma di 186 euro (comprensive dei 30 euro a titolo di contributo unico, della tassa regionale e dell’imposta di bollo assolta virtualmente). La domanda è valutata dalla competente Commissione che entro un mese dalla presentazione la accoglie o la respinge. In tale ultima ipotesi, lo studente deve richiedere il calcolo dell’Isee 2022 e pagare il conguaglio generato dal sistema Infostud, sulla seconda rata.

 

 

 

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma