UN SAPHARI PER L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Al via il progetto di ricerca FP7-ICT SAPHARI (Safe and Autonomous Physical Human-Aware Robot Interaction) sulla cooperazione fisica uomo-robot; la Sapienza coordinerà un gruppo di dieci partner europei

Il progetto SAPHARI - di durata quadriennale – ha come obiettivo quello di definire i paradigmi e di fornire le soluzioni tecnologiche per la prossima generazione di robot autonomi, in grado di collaborare in modo attivo e sicuro con gli utenti nello svolgimento sia di compiti industriali sia di attività quotidiane di servizio.
A tal fine occorre ripensare interamente il progetto meccatronico dei robot e del loro comportamento nell'interazione fisica con l'uomo. I robot del futuro saranno leggeri e cedevoli da un punto di vista meccanico, dotati di sensori e di intelligenza per riconoscere, apprendere e anticipare i movimenti umani, capaci di eseguire operazioni in modo veloce e accurato ma anche intuitivo e sicuro per l'utente, nonché in grado di reagire in tempo reale a situazioni impreviste o di potenziale pericolo.
Il consorzio SAPHARI, coordinato da Alessandro De Luca, del dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale Antonio Ruberti, coinvolge altri tre partner italiani (Università di Pisa, Università di Napoli Federico II e Istituto Italiano di Tecnologia di Genova), quattro tedeschi (DLR, Fraunhofer IOSB, Technische Universität München e l'azienda di robotica KUKA) e due francesi (LAAS-CNRS di Tolosa e EADS Innovation Works).

Info
Alessandro De Luca
Dipartimento di Ingegneria informatica, automatica e gestionale Antonio Ruberti

Giovedì, 15 dicembre 2011
Credits

foto DLR

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002