Giulio Regeni: la sapienza ricorda il ricercatore ucciso

Lunedì 15 febbraio, a margine della seduta del Collegio dei Direttori, la Sapienza e il Municipio Roma II hanno dedicato un momento di riflessione e di memoria per il giovane assassinato in Egitto

Lunedì 15 febbraio 2016, la Sapienza e il Municipio Roma II hanno dedicato un momento di riflessione e di memoria per il giovane addottorando Giulio Regeni, assassinato in Egitto nello svolgimento del suo lavoro di ricercatore e testimone giornalistico sulle condizioni del lavoro e della libertà in quel paese. La capacità di questo giovane di realizzare un newtork intellettuale tra la sua ricca formazione universitaria, anche internazionale, e l’impegno concreto contro il disordine del mondo, ne fanno infatti un esempio straordinario dell’importanza della universitas come comunità di studiosi senza confini e dell’impegno delle istituzioni sul fronte della difesa e promozione dei diritti umani.
L'incontro in memoria di Giulio Regeni è stato aperto dal Rettore Eugenio Gaudio. Hanno partecipato il Presidente del Municipio II Giuseppe Gerace, il Presidente del collegio dei Direttori Stefano Biagioni, Gulia Pavan, rappresentante della sede di Roma nel Consiglio Nazionale dei dottorandi e dei dottori di ricerca in Italia, ed Emanuela Scridel, docente a contratto presso la Luiss Guido Carli.

Sabato, 06 febbraio 2016

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002