Procedura per l'ammissione di cittadini di Paesi Terzi ai fini di ricerca scientifica

Il decreto legislativo n. 17 del 9 gennaio 2008, che ha recepito la Direttiva comunitaria 2005/71, ha definito le condizioni per favorire l'ingresso ed il soggiorno dei ricercatori dei Paesi terzi in Italia per una durata superiore a tre mesi, al fine di svolgere e/o partecipare ad un progetto di ricerca. 

Il decreto stabilisce che la procedura per l'ammissione di cittadini di Paesi Terzi ai fini di ricerca scientifica può essere attivata solo se l'Università o l'ente di ricerca ospitante è iscritto in un apposito elenco istituito dal MIUR.  Sapienza ha ricevuto l'attestato di iscrizione dall'11/09/2009 ed è pertanto autorizzata a stipulare Convenzioni di accoglienza con cittadini di Paesi terzi dall'Unione europea (ricercatori), non residenti nell'Unione, ai fini della realizzazione di progetti di ricerca.

La stipula della Convenzione di accoglienza tra ente ospitante e ricercatore è condizione necessaria alla domanda di nulla osta per ricerca scientifica.  La convenzione stabilisce il rapporto giuridico e le condizioni di lavoro del ricercatore, le risorse mensili messe a sua disposizione (pari ad almeno il doppio dell'assegno sociale), le spese per il viaggio di ritorno, la stipula di una polizza assicurativa per malattia per il ricercatore ed i suoi familiari o l'obbligo per l'istituto di provvedere alla loro iscrizione al Servizio sanitario nazionale.  La domanda di nulla osta per ricerca scientifica, corredata dell'attestato di iscrizione all'elenco del MIUR e di copia autentica della convenzione, è presentata dall'ente di ricerca ospitante al SUI - Sportello Unico per l'Immigrazione presso la prefettura ufficio territoriale del Governo competente per il luogo dove si svolge il programma di ricerca. Lo Sportello, acquisito dalla Questura il parere sulla insussistenza di motivi ostativi all'ingresso dello straniero nel territorio nazionale, rilascia il nulla osta.

Nel caso della Sapienza, le Convenzioni di accoglienza possono essere stipulate dai Direttori dei Dipartimenti previa delega espressa del Magnifico Rettore. I dipartimenti interessati possono fare richiesta di delega secondo il modello disponibile qui in calce e nella sezione Download.

Form richiesta di delega

La Convezione di accoglienza deve essere redatta secondo lo schema fornito dal MIUR (disponibile di seguito e nella sezione Download)

Schema Convenzione di Accoglienza

La procedura di richiesta del visto per motivi di ricerca scientifica ha una durata di tempo variabile che dipende da diversi fattori.  Si consiglia vivamente di attivare la procedura almeno tre mesi prima della data prevista dell’arrivo del ricercatore extra-UE, sebbene potrebbe essere sufficiente un periodo inferiore (anche meno di 2 mesi). Prima di avviare la procedura, si consiglia di consultare le "Linee guida per la procedura per l'ammissione di cittadini di Paesi Terzi ai fini di ricerca scientifica" in cui sono indicati tutti gli step operativi previsti dalla procedura per i dipartimenti Sapienza. Le linee guida sono disponibile qui in calce e nella sezione Download

Linee Guida

Area per l'Internazionalizzazione

Settore Mobilità dei ricercatori e programmi europei

Capo settore
Giuditta Carebella

Staff
Emanuele Gennuso

Telefoni
(+39) 06 4991 0416
(+39) 06 4991 0359

Fax
(+39) 06 4991 0719

Sedi

Palazzo del Rettorato
Piano rialzato - stanze 3 e 4
Piazzale Aldo Moro, 5
00185, Roma

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002