SCIENZE IMMUNOLOGICHE EMATOLOGICHE E REUMATOLOGICHE

Identificativo : 
16163
Tipo offerta formativa : 
Dottorato
Anno accademico : 
2015/2016
Posti : 
15
Numero di borse : 
9
Numero di borse finanziate da enti : 
1
Numero di borse finanziate da MIUR Fondo Giovani : 
0
Numero di borse finanziate da consorzi : 
0

Obiettivi del Dottorato di Ricerca in Scienze Immunologiche, Ematologiche e Reumatologiche : Nel curriculum Immunologia ed Immunopatologia verranno approfondite le conoscenze sulle funzioni delle diverse cellule del sistema immunitario, su segnali di comunicazione ed amplificazione della risposta immunitaria, sui meccanismi molecolari che ne regolano l'attivazione e la differenziazione, analizzati attraverso lo studio dei mediatori, dei recettori, dei pathways molecolari e sul ruolo degli antigeni di istocompatibilità nel controllo della reattività immunitaria. Verranno prese, inoltre, in considerazione le interazioni tra sistema immunitario dell'organismo ospite e i meccanismi patogenetici di agenti infettivi quali virus, batteri e miceti. In particolare saranno approfondite le conoscenze sui sistemi di risposta immunitaria naturale e adattativa implicati nel riconoscimento e nei meccanismi di resistenza verso l'agente patogeno. Potrà essere, inoltre, affrontato lo studio dei principali meccanismi patogenetici alla base delle malattie autoimmunitarie e linfoproliferative, delle immunodeficienze e delle reazioni allergiche. Particolare attenzione sarà rivolta allo studio dell'interazione ospite-tumore partendo dall'analisi delle basi molecolari e dai controlli genetici che regolano questo rapporto. Lo studente verrà così a contatto con le attuali problematiche sperimentali e cliniche aperte dai nuovi approcci terapeutici dei tumori (terapia con modificatori della risposta biologica quali citochine o anticorpi monoclonali, terapia cellulari e terapia genica, ecc.). Verranno, infine, approfondite le problematiche sperimentali connesse alla manipolazione della risposta immunitaria in senso anti-infettivo ed anti-tumorale. Tali ricerche verranno svolte nell’ambito di progetti di ricerca in collaborazione con istituzioni scientifiche nazionali ed internazionali. Gli obiettivi del curriculum di Immunologia Clinica sono quelli di promuovere la formazione scientifica dei dottorandi, con l'intento di preparare ricercatori capaci di sviluppare una propria linea di ricerca nei diversi campi dell'Immunologia Clinica, con riferimento sia agli aspetti patogenetici che a quelli clinici/terapeutici. Verranno approfondite le conoscenze sulle interazioni tra sistema immunitario ed agenti infettivi, utilizzando come modello le malattie da immunodeficienza primitiva. A tal fine, verranno correlate le caratteristiche immunologiche e genetiche delle immunodeficienze primitive, con particolare riferimento alla immunodeficienza comune variabile e la suscettibilità alle infezioni da parte di differenti microrganismi. I Dottorandi avranno la possibilità di studiare i meccanismi attraverso i quali alcuni virus, in particolare HCV e HIV, determinano una disregolazione delle risposte immunitarie, inducendo patologie linfoproliferative o soppressione delle risposte immunitarie. Per quanto riguarda le patologie linfoproliferative, verranno in particolare studiati i meccanismi patogenetici e le caratteristiche molecolari dei linfomi non-Hodgkin secondari ad infezione da HCV e la sindrome di Sezary. Infine, verrà studiato il ruolo delle cellule B innate nella patogenesi di malattie autoimmuni. I dottorandi potranno così acquisire un'approfondita conoscenza di nozioni teoriche e di tecnologie innovative, sviluppando la loro attività verso linee di ricerca autonome ed originali. Le ricerche si inquadreranno in parte in progetti collaborativi con centri italiani ed esteri. Nel curriculum dell’Ematologia verranno approfondite le conoscenze dei diversi aspetti biologici che sottendono ai meccanismi patogenetici delle patologie ematologiche del bambino e dell’adulto. Indispensabile per il processo formativo del dottorando sarà l’acquisizione delle basi teoriche di esecuzione delle metodiche di laboratorio necessarie per una moderna caratterizzazione delle diverse patologie ematologiche. Questa rappresenta la premessa per la realizzazione di programmi di ricerca biologico-clinica nei vari campi dell’ematologia neoplastica e non-neoplastica. Gli obiettivi formativi che si intende raggiungere saranno principalmente indirizzati verso una più raffinata caratterizzazione delle emopatie maligne sia acute che croniche (leucemie, linfomi, mielomi) alla diagnosi attraverso l'uso combinato di tecnologie diverse e complementari. La ricaduta applicativa mira ad individuare marcatori di malattia che abbiano un valore predittivo della risposta clinica alla terapia e, in ultimo, un impatto prognostico al fine di disegnare protocolli terapeutici individualizzati sulla base di parametri prognostici biologicamente identificati. L’approccio biologico integrato ha già consentito di allestire presso il centro di Ematologia di Roma una importante banca di materiale biologico (cellule vitali, DNA, RNA, sieri, estratti proteici) per le diverse neoplasie ematologiche. Ciò permette di programmare ulteriori approfondimenti scientifici su casistiche selezionate ed adeguatamente caratterizzate, tra cui: identificazione di nuove alterazioni citogenetico-molecolari, analisi di specifici geni, espressione di molecole coinvolte nei meccanismi di riconoscimento immuno-mediato del tumore, definizione di geni come possibili bersagli di strategie teraputiche mirate, next-generation sequencing, ecc. L’utilizzo in ematologia di farmaci sempre più innovativi ed in grado di agire selettivamente su bersagli molecolari specifici, ha aperto nuove frontiere di terapia mirata che hanno già impattato sulla storia naturale di diverse patologie ematologiche. Le nuove tecnologie aprono ulteriori scenari di ricerca traslazionale come sintesi tra la ricerca di base e le applicazioni cliniche. In questo contesto, particolare rilievo verrà dato al disegno ed all’implementazione di protocolli terapeutici innovativi per pazienti affetti da patologie ematologiche neoplastiche e non neoplastiche. La finalità prioritaria del Dottorato è di realizzare progetti scientifici sempre più avanzati di ricerca traslazionale tesi ad una gestione ottimale e progressivamente più personalizzata dei pazienti con patologie ematologiche di tutte le età, incluso il progressivo uso di terapie mirate/intelligenti. I diversi laboratori di immunologia fenotipica e funzionale, citogenetica convenzionale e molecolare, biologia molecolare, sequenziamento genico, colture cellulari, cinetica cellulare ed apoptosi, trasduzione del segnale, genomica, emostasi e trombosi, ecc - e la loro stretta integrazione con le strutture più propriamente assistenziali garantiscono le competenze necessarie alla realizzazione degli obiettivi prefissati. Molte ricerche verranno svolte nell’ambito di progetti collaborativi con diversi centri nazionali ed internazionali. Nel Curriculum di Reumatologia Clinica e Sperimentale verranno approfondite le conoscenze dei diversi aspetti molecolari e cellulari alla base dei meccanismi patogenetici delle malattie reumatiche, sia a livello sistemico che locale (articolare, muscolare, cutaneo, ecc.). Indispensabile nel processo formativo del dottorando sarà l’acquisizione delle basi teoriche delle capacità pratiche di esecuzione delle metodiche di laboratorio necessarie alla realizzazione di programmi di ricerca per lo studio delle cellule del sangue periferico, del siero, della membrana sinoviale, del liquido sinoviale, della cartilagine e dell’osso subcondrale. Il Dottorando dovrà anche approfondire le conoscenze del rapporto tra i diversi meccanismi patogenetici e l’espressione clinica delle malattie reumatiche, collegando i risultati della ricerca di base con i principali quadri clinici delle suddette malattie, anche mediante l’impiego di metodiche strumentali idonee (tecniche radiologiche, risonanza magnetica, ultrasuoni, capillaroscopia, ecc.) considerate di riferimento nell’ambito della Reumatologia. Sarà inoltre di primaria importanza l’applicazione terapeutica delle recenti acquisizioni sui meccanismi patogenetici delle malattie reumatiche. Infine, la recente introduzione nella pratica clinica di farmaci sempre più innovativi ed in grado di agire selettivamente su diversi bersagli molecolari, ha aperto nuove frontiere alla farmacologia di interesse reumatologico con implicazioni molteplici di tipo farmacogenetico e farmacoeconomico. Questi aspetti rappresentano un’ulteriore occasione di sintesi tra i risultati della ricerca di base ed i risvolti clinico-applicativi.

Prove di esame - scritto

Prova scritta: 11/09/2015 ore 11:30 – Aula Bignami Edificio di Patologia Generale - Viale Regina Elena, 324 Descrizione della prova: elaborato sulle tematiche di ricerca del dottorato. Lingua della prova: ITALIANO Pubblicazione esito sul sito Internet: http://dmm.uniroma1.it/ Giorno di pubblicazione dell'esito: entro il primo giorno lavorativo successivo alla prova scritta

Prove di esame - orale

24/09/2015 ore 09:30 - Aula 3° piano - Viale Regina Elena, 291- Roma. Descrizione della prova: discussione sulle attività di ricerca svolte in precedenza. Lingua della prova: ITALIANO Pubblicazione esito sul sito Internet: http://dmm.uniroma1.it/ Giorno di pubblicazione dell'esito: entro tre giorni successivi alla prova orale

Commissione

MEMBRI EFFETTIVI

Prof.ssa Angela Santoni

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

Prof.ssa Anna Guarini

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

Prof. Fabrizio Conti

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

Prof. Ivano Mezzaroma

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

Prof.ssa Ricciarda Galandrini

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

MEMBRI SUPPLENTI

Prof. Fabrizio Mainiero

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

Prof. Giovanni Bernardini

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

Prof. Roberto Foa'

Universita' degli Studi di Roma "La Sapienza"

Curricula

a) IMMUNOLOGIA E IMMUNOPATOLOGIA b) IMMUNOLOGIA CLINICA c) EMATOLOGIA d) REUMATOLOGIA CLINICA E SPERIMENTALE

Dipartimento
Medicina molecolare
Contatti telefonici

+39 06/44340632

Coordinatore

prof.ssa Angela Santoni

Staff

Paola Di Russo

Scuola
2045
Graduatoria

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002