Fai crescere i giovani ricercatori con il 5 per mille

La Sapienza destina l'intero importo delle donazione del 5 per mille ad assegni di ricerca per giovano studiose e giovani studiosi

 

Dona il 5 per mille alla Sapienza

Con la donazione del 5 per mille nella dichiarazione dei redditi annuale la comunità universitaria della Sapienza, le famiglie degli studenti e i cittadini possono concretamente sostenere l'attività di ricerca dell'Ateneo.

Come donare

Per donare il 5 per mille alla Sapienza è sufficiente firmare e scrivere il codice fiscale dell'Ateneo sull'apposito spazio nella dichiarazione dei redditi, nel riquadro "Finanziamento della ricerca scientifica e dell'Università".
La modalità non è cambiata con l'introduzione della dichiarazione dei redditi telematica.

Il codice fiscale della Sapienza è 80209930587

  • La destinazione del 5 per mille non prevede oneri aggiuntivi per il contribuente
  • La destinazione del 5 per mille non è alternativa all'8 per mille
  • Se il contribuente non esprime alcuna scelta, il 5 per mille viene redistribuito tra tutti gli enti beneficiari
  • Se il contribuente firma il riquadro ma non scrive il codice fiscale della Sapienza, il 5 per mille viene redistribuito tra gli altri atenei beneficiari

 

La Rettrice presenta i ricercatori 5 per mille

 

La comunicazione digitale per il sociale con il 5 per mille

 

Progettare la riabilitazione del futuro con il 5 per mille

 

Combustione sostenibile? 5 per mille

 

Appello della Rettrice
"Il 5 per mille per promuovere i giovani talenti"

Le donazioni dei contribuenti sono in aumento

La Sapienza destina i proventi del 5 per mille interamente a sostenere la ricerca e in particolare alla promozione dei giovani ricercatori. 
Nella seduta dell'11 febbraio 2021 il Consiglio di amministrazione dell'Ateneo ha deliberato di destinare il 5 per mille 2019 ad assegni di ricerca (delibera n. 37 del 12.02.2021), per una somma di 303.834,65 euro. Il risultato della raccolta del 5 per mille 2019 è in crescita rispetto al 2018, anno nel quale i proventi erano stati pari a 300.466,93 euro. Il 5 per mille 2019 segna un aumento anche per quanto riguarda il numero dei contribuenti che hanno scelto la Sapienza, pari a 4.408 nel 2019 rispetto a 4.224 nel 2018. Per il 2020 si conferma la tendenza, con una somma complessiva comunicata dall'Agenzia delle entrate di 306.475,63; l'importo sarà destinato ad assegni di ricerca con una delibera degli organi di governo.

Come sono utilizzati i contributi

I proventi che la Sapienza riceve dal 5 per mille sono destinati in via esclusiva alla ricerca scientifica, attraverso assegni di ricerca, borse, premi e bandi per giovani ricercatrici e ricercatori, nonché attraverso iniziative di divulgazione della ricerca di Ateneo

Nel periodo 2006-2012 sono stati raccolti complessivamente e assegnati 3.499.977 euro di contributi. Questa somma ha finanziato 114 assegni di ricerca, 6 contributi per progetti d’eccellenza, 45 premi di laurea, il cofinanziamento per assunzione di ricercatori a tempo determinato, l'attività della Sapienza per alla fiera dell'innovazione Maker Faire 2015.

Nel 2013 sono stati raccolti 230.186,27 euro; le risorse sono state interamente destinate a nuovi bandi per ricercatori a tempo determinato di tipo "A", con impegno a tempo definito e alla proroga di contratti scaduti, di cui all'art. 24 della Legge 240/2010 (delibera n. 248/15 del Consiglio di amministrazione in data 21 luglio 2015).

Nel 2014 la raccolta è stata di 263.997,60 euro; le risorse sono state interamente destinate alla proroga di contratti scaduti e a nuovi bandi per ricercatori a tempo determinato di tipo "A" (delibera n.195/2016 del Consiglio di amministrazione in data 7 giugno 2016).

Nel 2015 la raccolta è ulteriormene aumentata a 272.176,15 euro. Le risorse sono state destinate interamente ad assegni di ricerca (delibera n. 170/2017 del Senato accademico in data 30 maggio 2017, delibera n.221/17 del Consiglio di amministrazione in data 8 giugno 2017).

Nel 2016 la raccolta è salita complessivamente a 297.700,27 euro, di cui 254.148,58 euro per scelte espresse dai contribuenti e 43.551,69 euro come risultato della ripartizione proporzionale delle scelte generiche. I contribuenti che hanno donato alla Sapienza sono stati 4.019. L'intero importo è stato destinato ad assegni di ricerca (delibera n. 198/2018 del Consiglio di amministrazione in data 15 maggio 2018).

Nel 2017 il gettito 5 per mille è stato di 293.846,55 euro, di cui 248.172,99  per le scelte espresse dai contribuenti (in totale 4.103) e 45.673,46 a seguito della ripartizione sulle scelte generiche. I fondi sono stati destinati ad assegni di ricerca 5 per mille (delibera n. 174 del Consiglio di amministrazione in data 21.5.2019).

Nel 2018 la raccolta di contributi è salita a 300.466,93 euro, di cui 255.783,37 euro per le scelte espresse, aumentate a 4.224. I fondi sono stati destinati intermente alla promozione dei giovani ricercatori attraverso assegni di ricerca (delibera n. 199 del Consiglio di amministrazione in data 25 giugno 2020).

Nel 2019 le donazioni sono ulteriormente aumentata a 306.475,63 euro. La somma sarà destinata ad assegni di ricerca con una delibera degli organi di governo.

Rendiconto del 5 per mille sul portale della Trasparenza

Contribuisci a diffondere la campagna per il 5 per mille

La Sapienza promuove ogni anno una campagna per la donazione del 5 per mille all'Ateneo. Tutti possono contribuire alla campagna di comunicazione semplicemente condividendo le locandine a disposizione su questa pagina, che si possono stampare o inviare come locandina elettronica. Le locandine rappresentano simbolicamente 5 grandi campi del sapere.
Locandina provetta (pdf)
Locandina libro (pdf)
Locandina tempio (pdf)
Locandina mondo (pdf)
Locandina computer (pdf)

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002