Dirigente ai fini della Sicurezza

Pagina dedicata alla figura del Dirigente per La sicurezza, ed ai suoi doveri e responsabilità

Il "Dirigente" ai fini della sicurezza è definito dall'art. 2 comma 1, lettera d) del D.Lgs. 81/08 come la "persona che, in ragione delle competenze professionali e dei poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferitogli, attua le direttive del Datore di Lavoro, organizzando l'attività lavorativa e vigilando su di essa".

 

CHI SONO I "DIRIGENTI AI FINI DELLA SICUREZZA" IN SAPIENZA

Per l'Università, sono Dirigenti, ciascuno nell'ambito delle rispettive attribuzioni e competenze:

  • i Responsabili Amministrativi Delegati (RAD)

  • i Responsabili delle Attività Didattiche o di Ricerca in Laboratorio (RADRL), ovvero i docenti e i ricercatori che coordinano gruppi di ricerca o di didattica in laboratorio quando risultano responsabili dei progetti di ricerca e sono dotati di un fondo economico per gestire tale progetto.

  • i Coordinatori di Sezione dei Dipartimenti

  • i Direttori delle Biblioteche e dei Musei, qualora siano dotati di autonomi (seppur limitati) poteri di spesa e di gestione.

Inoltre sono Dirigenti - Delegati dal Datore di Lavoro tutti coloro che hanno ricevuto deroga formale ai sensi dell'art. 16 del D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii., come, a titolo di esempio, i Direttori delle Aree dell'Amministraizone Centrale. A questi ultimi è fatto obbligo di adempiere a tutti gli obblighi formalmente inseriti nel documento di delega.

ADEMPIMENTI DEI "DIRIGENTI AI FINI DELLA SICUREZZA"

Il Dirigente ai fini della Sicurezza è quella persona, che considerate le comprovate competenze professionali, ed in ragione delle competenze e attribuzioni assegnate, rende operative le direttive del Datore di Lavoro organizzando l’attività lavorativa ed effettuando gli adeguati controlli.

I doveri assegnati dal D.Lgs. 81/08 sono quelli dell'art. 18, e sono i medesimi del Datore di Lavoro, in considerazione delle attribuzioni e competenze esercitate nella realtà, e sono,  in sintesi e per i Dirigenti di questo Ateneo, almeno i seguenti:

  1. Mettere in atto gli adempimenti assegnati dall'art.18, comma 1 lettere da b) a  g), da h) a n), p), q), s), t), z) e bb);

  2. Fornire al servizio di prevenzione e protezione ed al medico competente informazioni in merito alla natura dei rischi, all’organizzazione del lavoro, la programmazione e l’attuazione delle misure preventive e protettive, la descrizione dei luoghi di lavoro, degli impianti e attrezzature e dei processi produttivi, i dati sugli infortuni e le malattie professionali dei propri lavoratori, i provvedimenti adottati dagli organi di vigilanza ed ispettivi pubblici;

  3. Curare la manutenzione dei locali per garantirne la sicurezza e salubrità, ove questo sia in proprio potere, o viceversa segnalare ogni non conformità rilevata al Datore di Lavoro;

  4. Vigilare in ordine agli adempimenti degli obblighi di cui agli artt. 19, 20, 22, 23, 24 e 25 del D.Lgs. 81/08, ovvero l'osservanza da parte di tutte le figure chiave della sicurezza, ivi compresi i lavoratori, dei propri obblighi in materia di Salute e sicurezza sul lavoro;

  5. Vigilare in ordine all'osservanza, da parte di tutte le figure chiave della sicurezza, ivi compresi i lavoratori, delle procedure di Ateneo in materia di Salute e sicurezza sul lavoro.

Per gli adempimenti dei Responsabili delle Attività Didattiche o di Ricerca in Laboratorio (RADRL) si rimanda alla sezione apposita del Portale, raggiungibile dalla barra di navigazione posta sulla destra della pagina.


W004.2 rev 00 del 15.12.2019

Navigazione interna

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002