Art. 31 - RATEIZZAZIONI

 

1.    Rateizzazione in sei rate. In caso di comprovate e documentate condizioni economiche disagiate (attestate dalla dichiarazione Isee 2023 per il diritto allo studio universitario che dovrà risultare inferiore alla soglia prevista per la no-tax area, pari a 24.000 euro) e di arretrati (contributi dovuti per anni precedenti all’a.a. 2023-2024) che superino 1.500 euro l’Università può valutare la possibilità di concedere una rateizzazione dei contributi di iscrizione arretrati per un massimo di sei rate.

2.    Rateizzazione in dodici rate. In caso di somme sensibilmente alte, l’Università medesima può concedere la rateizzazione fino ad un massimo di 12 rate.

3.    Come si presenta la domanda. La richiesta di rateizzazione va presentata entro le date di scadenza previste per ciascuna procedura (es. ricongiungimento di carriera, riconoscimento crediti a seguito del superamento del termine di conseguimento del titolo di studio, ecc…). La domanda va presentata in bollo mediante ticket indirizzato alla propria segreteria amministrativa collegandosi al link tts.uniroma1.it/otrs/customer.pl e compilando il modulo presente nel servizio “rateizzazioni/rimborso contributi”.

Prima di presentare la domanda è necessario verificare su Infostud che risulti caricato il proprio documento di identità valido (sezione “Profilo>Documenti personali”).

4.    Vincoli. Non sono rateizzabili gli importi dovuti per l’a.a. 2023-2024. Chi, dopo aver ottenuto la rateizzazione, non procede al pagamento delle rate entro le scadenze previste non potrà più fruire di rateizzazioni. Gli esami eventualmente sostenuti durante il periodo di rateizzazione sono registrati in carriera sotto condizione e validati solo a pagamento completato.

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma