Prolungamento dell'a.a. 2019-2020

Prolungamento dell'a.a. 2019-2020: informazioni per i laureandi

Le disposizioni della Legge 26 febbraio 2021, n. 21 

La Legge 26 febbraio 2021, n. 21 dispone che “in deroga alle disposizioni dei regolamenti di ateneo (...)  l'ultima sessione delle prove finali per il conseguimento dei titoli di studio relative all'a.a. 2019-2020 è fissata al 15 giugno 2021. E' conseguentemente prorogato ogni altro termine connesso all'adempimento di scadenze didattiche o amministrative funzionali allo svolgimento delle stesse prove” (art. 6, co. 7-bis).

Per chi si laurea entro il 31 marzo 2021

Con riferimento alle lauree che terminano il 31 marzo 2021 le segreterie stanno effettuando tutti i controlli necessari per individuare gli studenti che beneficiano del prolungamento dell’anno accademico e possono conseguire il titolo nell’a.a. 2019-2020.

Per tali studenti si provvederà d’ufficio:

  • alla cancellazione dell'eventuale iscrizione all'anno accademico 2020-2021 e alla disposizione dei rimborsi dovuti, che dovranno essere riscossi necessariamente dopo il conseguimento della laurea;
  • alla variazione dell’anno accademico di conseguimento del titolo di studio (2019-2020);
  • alla convalida di eventuali esami sostenuti nel 2020-2021 come esami validi per il 2019-2020; 
  • all’inserimento, sui certificati, di un’apposita dicitura riferita agli esami convalidati per effetto della Legge 26 febbraio 2021, n. 21.

Gli studenti che si laureeranno entro il 31 marzo 2021 nell’a.a. 2019-2020 sono esentati dal pagamento dei contributi di iscrizione all’anno 2020-2021, compresa la tassa regionale.

Per chi si laurea nelle sessioni aperte dal 1° aprile al 15 giugno 2021

I laureandi che beneficiano del prolungamento dell’anno accademico troveranno un’apposita sessione di laurea riferita all’a.a. 2019-2020 al momento della presentazione della domanda di laurea. 

I requisiti previsti per la presentazione della domanda di laurea saranno indicati nei Promemoria laureandi che sono in corso di aggiornamento in base alle disposizioni delle strutture didattiche.
Vi invitiamo pertanto a consultare la pagina dedicata
Vai alla pagina Promemoria laureandi

Attenzione: le strutture didattiche potrebbero prevedere sessioni di laurea aggiuntive per consentire al maggior numero di studenti di beneficiare del prolungamento dell’anno accademico 2019-2020. Allo stesso modo potrebbero essere previste sessioni straordinarie per gli appelli d’esame: eventuali aggiornamenti saranno disponibili sui siti delle strutture didattiche (catalogo dei corsi, sito di Facoltà, sito di Dipartimento, ecc…)

 Alla scadenza prevista per presentare la domanda di laurea di ciascuna sessione le segreterie procederanno ai controlli per verificare gli aventi diritto a laurearsi nell’a.a. 2019-2020 e a beneficiare dell’esenzione/rimborso dei contributi di iscrizione all’a.a. 2020-2021.

I contributi di iscrizione già versati per il 2020-2021 saranno rimborsati d’ufficio e dovranno essere riscossi necessariamente dopo la laurea. Gli studenti riceveranno apposite istruzioni sulle modalità operative.

I laureandi che devono sostenere ancora esami per completare il proprio percorso formativo dovranno compilare un modulo per richiedere l’esenzione dal pagamento dei contributi di iscrizione all’anno accademico 2020-2021. 

Il modulo va compilato fino a 7 giorni lavorativi prima della scadenza prevista per prenotare il primo degli esami mancanti (esempio: se la scadenza per prenotare l'esame è il 23 aprile 2021 devi inviare la richiesta entro il 14 aprile 2021).

Per richiedere l'esenzione tale scadenza vale anche se è stata già presentata la domanda di laurea. Anche se gli esami da sostenere sono più di uno, il modulo deve essere compilato una sola volta.

Compila il modulo

Chi non beneficia del prolungamento dell’anno accademico

Non beneficiano di questa disposizione i laureandi che entro il 15 giugno concludono la loro carriera in corso: tali studenti si laureeranno nell’anno accademico 2020-2021 perché non può essere abbreviato il tempo previsto per legge per il conseguimento del titolo di studio (3 anni per le triennali, 2 anni per le lauree magistrali, 5 o 6 per le le lauree magistrali a ciclo unico). Allo stesso modo non beneficiano del prolungamento dell’anno accademico gli studenti part-time che entro il 15 giugno 2021 terminano il tempo concordato per il conseguimento della laurea.

I laureandi in corso che conseguiranno il titolo entro il 31 marzo 2021 nell’a.a. 2020-2021 sono esentati dal pagamento dei contributi di iscrizione all’anno 2020-2021 di pertinenza dell’ateneo, come previsto dal Decreto rettorale  n. 94224 del 18/12/2020. Sono dovuti l’imposta di bollo e la tassa regionale.
Per le lauree conseguite dopo il 31 marzo 2021, nell’a.a. 2020-2021, sono dovute tutte e tre le rate. 

 

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002