La Sapienza tra le prime 100 università al mondo per l'occupazione dei laureati

La Sapienza è nella fascia top nell'edizione 2020 del QS Graduate Employability Ranking, collocata nella 93° posizione al mondo e terzo ateneo in Italia. La classifica premia la capacità degli Atenei di promuovere l'occupazione e il successo professionale dei propri laureati

La Sapienza ottiene un'ottima performance nella classifica QS Employabilty 2020 sull'occupazione dei laureati, collocandosi nella fascia di eccellenza delle prime 100 università al mondo, in ulteriore miglioramento rispetto allo scorso anno. Il ranking, giunto alla quinta edizione e pubblicato il 19 settembre 2019, assegna all'Ateneo la 93esima posizione mondiale, in salita di cinque posizioni rispetto alla scorsa edizione, e la terza in Italia, dopo il Politecnico di Milano e l'Università di Bologna. 

Il ranking offre dati comparativi su 500 università, in base alla capacità di avviare i laureati a una carriera di successo. La classifica è composta secondo 5 parametri:
  • Employer reputation (atenei dai quali le imprese e i datori di lavoro preferiscono assumere nuovi talenti)
  • Alumni outcomes (successo dei laureati in termini di posizione professionale)
  • Partnerships with employers (partneship degli atenei con imprese e datori di lavoro sia per la ricerca sia per il placement)
  • Employer - student connections (attività organizzate dagli atenei per mettere in contatto studenti e imprese)
  • Graduate employment rate (tasso di occupazione a tempo indeterminato a 12 mesi dalla laurea)

La Sapienza in particolare si colloca al primo posto tra le università italiane per l'indicatore riguardante il grado di successo dei laureati (Alumni outcomes), grazie al numero di laureati dell'Ateneo collocati in aziende grandi e in posizioni apicali negli enti. Per questo parametro la Sapienza è 79esima al mondo.

 

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002