Organizzazione Prove di Evacuazione

Pagina in costruzione...

 

 

Gentili Datori di Lavoro, Dirigenti, Coordinatori del Piano di Emergenza,
di seguito alcune indicazioni per l'organizzazione delle Prove di Evacuazione degli edifici in cui insiste il personale delle Unità Produttive Sapienza.
 
COS'E' UNA PROVA DI EVACUAZIONE
 
Si intende per Prova di Evacuazione (PEVAC) di un edificio una esercitazione pratica durante la quale si testa l'efficacia del Piano di Emergenza ed Evacuazione specifico dell'edificio.

 

PERIODICITA' PREVISTE DALLA NORMA

E' obbligatorio, in base alle norme vigenti  ed in considerazione della Circolare dei VVF 5264 del 18/04/2018, effettuare la prova di evacuazione almeno secondo le seguenti periodicità;

  • EDIFICI IN CUI NON SI SVOLGONO ATTIVITA' DI DIDATTICA (uffici, etc.)  La prova di evacuazione almeno una volta l'anno (10 marzo 1998).
  • EDIFICI IN CUI SI SVOLGONO ATTIVITA' DI DIDATTICA* (Aule, Laboratori, Officine, ecc.): Una prova di evacuazione ogni 3 mesi per un totale di  4 prove
*Ad eccezione degli edifici dotati di Certificato di Prevenzione Incendi (o SCIA antincendio) in corso di validità per i quali la periodicità è semestrale (due prove l'anno) come da D.M. 26 agosto 1992 punto 12.0.

 

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLA PROVA DI EVACUAZIONE

Al fine di organizzare una prova di evacuazione efficace si devono di mettere in atto le seguenti attività:

  1. Sopralluogo preliminare per la Verifica degli Impianti
  2. Coordinamento datori di lavoro dell'edificio e incontro formativo della squadra di emergenza
  3. Prova di Evacuazione con Briefing finale                                                                                                                                                                 

 

1) Sopralluogo preliminare per la Verifica degli Impianti

Partecipanti:
  • Il Coordinatore del Piano di Emergenza dell'edificio interessato (designato dal Datore di Lavoro Prevalente), ed eventualmente il Referente Locale della Sicurezza o un ASEI inviato da ciascun Datore di Lavoro
  • Tecnici incaricati da AGE per la gestione degli impianti
  • Addetto della Vigilanza di Ateneo
Obiettivo:
  • Verifica di funzionamento individuazione delle modalità di attivazione impianti coinvolti in fase di emergenza
  • Verifica della fruibilità dei percorsi di esodo e uscite di emergenza
Modalità di svolgimento:

Il Datore di Lavoro Prevalente dell'edificio interessato incarica il Coordinatore del Piano di Emergenza, ed eventualmente il  Referente Locale della sicurezza, affinché partecipino all'incontro previsto

Gli altri Datori di Lavoro/Dirigenti dell'edificio avvertono il Referente Locale per la Sicurezza o in alternativa un ASEI, affinché partecipi al sopralluogo

                                                                                                                                                              

2) Coordinamento datori di lavoro dell'edificio e incontro formativo della squadra di emergenza

Partecipanti:
  • Tutti i Datori di Lavoro dell'edificio interessato, ovvero un Dirigente munito di delega scritta per la partecipazione alla riunione di coordinamento (DL)
  • Il Coordinatore del Piano di Emergenza (CPE)
  • Tutti gli Addetti del Servizio di Emergenza Interna dell'edificio (ASEI)
  • Tutti gli Addetti del Pronto Soccorso Aziendale dell'edificio (APSA)
  • Tutti gli Addetti all'assistenza delle persone Diversamente Abile dell'edificio (ADA)
  • Tutti gli addetti all'emergenza degli eventuali enti esterni che hanno sede nell'edificio
  • Tutti i Referenti Locali della Sicurezza dell'intero edificio
  • Addetto della Vigilanza di Ateneo
Obiettivo:
  • Effettuazione riunione di Coordinamento tra i Datori di Lavoro dell'edificio
  • Informazione, formazione e addestramento delle figure chiave per la gestione dell'emergenza, per l'espletamento della prova di evacuazione
Modalità di svolgimento:

Il Datore di Lavoro Prevalente definisce al più presto un luogo per lo svolgimento dell'incontro e lo comunica al Settore SSL e agli altri Datori di Lavoro che hanno personale nell'edificio, compresi quelli degli enti esterni che hanno sede nell'edificio.

Ciascun Datore di Lavoro dell'edificio interessato dalla prova, dispone l'invio ai propri ASEI, APSA, ADA e Referenti Locali una e-mail con la convocazione e la documentazione necessaria da analizzare (piano di emergenza, planimetrie dell’edificio), tramite l'allegato 3a.

                                                                                                                                                        

3) Prova di Evacuazione con Briefing finale     

Partecipanti:
  • TUTTI I PRESENTI NELL'EDIFICIO
  • Vigilanza di Ateneo

    Modalità di svolgimento:

    Qualche giorno prima della prova tutti i Datori di Lavoro/Dirigenti dell'edificio interessato dispongono:

  • l'invio a tutto il proprio personale di una mail contenente prevista (VEDI ALLEGATO 4a e 4b)
  • l'affissione sui muri dell'edificio, in posizione strategica, della cartellonistica prevista (VEDI ALLEGATO 4c)

Il giorno della prova, ad un orario imprecisato, sarà diramato l'allarme.

E' fatto obbligo a tutto il personale di abbandonare tempestivamente i locali dell'edificio per recarsi al punto di raccolta, più velocemente possibile ma in sicurezza.

A fine evacuazione, effettuata presso il punto di raccolta la conta del personale evacuato da parte del CPE, il personale potrà procedere al rientro nei locali dell'edificio.

In coda alla prova di evacuazione le figure chiave per la gestione dell'emergenza si riuniranno con Il CPE per l'effettuazione di un briefing finale, durante il quale verranno analizzate tutte le opportunità di miglioramento emerse durante la prova.

N.B.

Qualora la Prova di Evacuazione preveda il coinvolgimento di strada pubblica e/o qualora il punto di raccolta sia posizionato su strada pubblica, è necessario avvisare con qualche giorno di anticipo i Vigili Urbani della Unità Operativa di riferimento attraverso il modulo Allegato 4d - FAC SIMILE avviso VV.UU.

 

 


                                                                                                                                                               

ALLEGATI:  MODULISTICA PER L'ORGANIZZAZIONE DELLA  PROVA DI EVACUAZIONE

COMUNICAZIONE INIZIALE

RIUNIONE COORDINAMENTO DATORI DI LAVORO

SOPRALLUOGO PRELIMINARE ALLA PEVAC

  • Allegato 2a Mail di convocazione sopralluogo impianti da parte di datore di lavoro
  • Allegato 2b Check list sopralluogo impianti
  • Allegato 2c Verbale sopralluogo impianti

FORMAZIONE ADDETTI AL RUOLO ATTIVO

INFORMATIVA A TUTTI I LAVORATORI

PROVA DI EVACUAZIONE

BRIEFING FINALE

GESTIONE DELLE RISULTANZE DELLA PROVA

  • Allegato 7  Gestione e diffusione delle risultanze

 

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002