Contributi e agevolazioni

Le soglie di esenzione per l'anno accademico 2021-2022 restano invariate rispetto allo scorso anno

Dal primo marzo si paga con PagoPA

A partire dal primo marzo 2021 è attiva per tutti i Corsi studio la modalità di pagamento dei contributi studenteschi tramite PagoPA, prevista obbligatoriamente per le pubbliche amministrazioni.
Vai alla pagina con le istruzioni

Agevolazioni e esenzioni per il 2021-2022

Sapienza sostiene le famiglie e valorizza gli studenti meritevoli con esenzioni e agevolazioni sui contributi di iscrizione ai corsi di laurea e laurea magistrale. Siamo consapevoli che le conseguenze dell’emergenza Covid-19 hanno modificato in modo sensibile la capacità contributiva di moltissime famiglie: per questa ragione anche per il 2021-2022 Sapienza conferma l'applicazione della delibera del Consiglio di amministrazione che nella seduta del 21 luglio 2020, ha stabilito di estendere la no tax area prevista dal DM 234/2020 agli studenti con Isee per il diritto allo studio universitario fino a 24.000 euro (la soglia stabilita dal DM 234/2020 è 20.000 euro), in presenza dei requisiti di merito previsti dalla legge 232/2016. 

La stessa delibera prevede inoltre: 
ulteriori agevolazioni destinate agli studenti che si iscrivono a partire dal secondo anno fuori corso;
- il pagamento del diritto fisso di 30 euro annui in luogo dei contributi di iscrizione per coloro che, al compimento della maggiore età, vivono fuori dalla famiglia di origine sulla base di un provvedimento dell’autorità giudiziaria (i cosiddetti care leavers).

 

Per il 2021-2022 Sapienza conferma anche le agevolazioni e i bonus già previsti tra i quali:

  • il bonus famiglia, che prevede riduzioni per tutti i componenti del nucleo familiare iscritti alla Sapienza 
  • i passaggi di corso gratuiti nell’anno di immatricolazione (l’agevolazione è valida solo se non si sostengono esami o atti di cariera);
  • l'esenzione completa per gli studenti con disabilità superiore al 66% o con certificazione prevista dalla legge 104/92 art 3;
  • il pagamento del diritto fisso di 30 euro annui in luogo dei contributi di iscrizione per gli studenti che rientrano nelle agevolazioni previste dall'all’art. 30 della Legge 30 marzo 1971, n. 118.

Gli importi dei contributi di iscrizione al valore massimo sono invariati rispetto agli anni scorsi.
Tutti gli approfondimenti sono disponibili nella pagina dedicata e sul Regolamento studenti
Vai alla pagina Esenzioni e agevolazioni

Ciascuno paga in base al proprio Isee

Per gli studenti che non hanno i requisiti per usufruire delle esenzioni totali la Sapienza applica un modello che consente a ciascuno studente di determinare l’ammontare dei contributi di iscrizione - rispetto alla misura ordinaria - esattamente in ragione del proprio valore Isee per il diritto allo studio universitario (Delibera del Consiglio di Amministrazione 11 giugno 2013).
Vai alla pagina Isee

Importi ordinari per i corsi di laurea e laurea magistrale 2021-2022

Per i corsi di laurea e laurea magistrale l’importo ordinario delle tasse di iscrizione è diversificato in due “Gruppi” che aggregano facoltà o corsi di laurea di tipologia omogenea: i corsi interfacoltà afferiscono alla facoltà che ne curano la gestione amministrativa.
Corsi del primo gruppo
Facoltà di: Economia; Giurisprudenza, Lettere e Filosofia, Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, Corsi di studio di classe L-19; L-39; LM-85;
Corsi del secondo gruppo
Facoltà di: Architettura, Farmacia e Medicina, Ingegneria civile e industriale, Ingegneria dell'informazione, Informatica e Statistica, Medicina e Psicologia, Medicina e Odontoiatria, Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali.
I Corsi interfacoltà si intendono collocati nella Facoltà capofila (referente ai fini amministrativi).
Gli importi sono articolati in tre rate, per consentire agli studenti di dilazionare il pagamento

CORSI DI STUDIO TOTALE  I RATA II RATA III RATA TASSA REGIONALE
Corsi del I gruppo €2.821 €846 €987 €988 €140
Corsi del II gruppo €2.924 €877 €1.023 €1024 €140
Corso in Infermieristica - Unitelma blended €2.924 €877 €1.023 €1024 €140
Corso in Informatica - Unitelma* €1.600 €800 - €800 €140
Corso in Scienze e tecniche psicologiche in teledidattica Unitelma*  €1.600 €800 - €800 €140
Corsi Consorzio Nettuno* €1200 €600 - €600 €140

 

 

 

 

 

 

 

 
*Tali corsi non usufruiscono della riduzione Isee

Contributi di iscrizione per gli studenti con cittadinanza estera e/o redditi esteri

Gli studenti con cittadinanza estera possono pagare i contributi di iscrizione ai corsi di studio secondo le seguenti modalità:

  1. in base al diritto fisso previsto per i Paesi in via di sviluppo o per i Paesi non in via di sviluppo (vedi elenco di seguito). In questo caso basterà stampare il bollettino da Infostud senza eseguire ulteriori funzioni e l’importo riportato sarà determinato automaticamente in base al Paese della cittadinanza dichiarata;

  2. in base al proprio Isee parificato. Se uno studente non ha redditi e patrimoni in Italia ma vuole determinare i contributi sulla base dei redditi e patrimoni prodotti nel proprio Paese di origine, può chiedere al Caf l’Isee parificato (a sensi del Dpcm 159 del 2013, art. 8), producendo la documentazione validata dalle autorità competenti del Paese dove i redditi sono stati prodotti, tradotta in italiano dalle autorità diplomatiche italiane presenti nel Paese di provenienza e dalle competenti Rappresentanze diplomatico-consolari italiane. La dichiarazione dovrà attestare il numero dei componenti del nucleo familiare, i redditi e i patrimoni posseduti nell’anno di riferimento. Il valore determinato e certificato dal CAF, potrà essere prodotto alla Segreteria amministrativa di competenza che provvederà al calcolo dei contributi. L’Isee parificato, rilasciato dal Caf, dovrà essere inviato per posta elettronica all’indirizzo mail della propria segreteria amministrativa che provvederà ad inserire il valore su Infostud.

  3. in base al proprio Isee per il diritto allo studio universitario. Questa opzione è possibile se i redditi e i patrimoni sono prodotti in Italia. In questo caso l’Isee per il diritto allo studio universitario va calcolato presso un Caf o compilato sul sito dell’Inps e può essere acquisito esclusivamente su Infostud dalla sezione Profilo>Isee (non è possibile acquisire l’Isee al momento della stampa del bollettino). Chi non ha l’Isee disponibile al momento della stampa del bollettino dovrà cliccare sempre su Acquisisci Isee per pagare un diritto fisso. Entro il 22 dicembre 2021 l’Isee dovrà essere dichiarato, altrimenti l’importo dei contributi sarà applicato al valore massimo previsto.

Agli importi determinati con ciascuna delle tre opzioni va aggiunta la tassa regionale e l’imposta di bollo, entrambe da versare con la prima rata.

Diritto fisso dei contributi di iscrizione ai corsi di studio per gli studenti internazionali, Ue o Extra UE, rientranti nelle seguenti tipologie:

  • studente universitario con cittadinanza estera non residente in Italia;
  • studente universitario italiano non residente in Italia;
  • studente universitario con cittadinanza estera residente in Italia non autonomo.

Gli studenti internazionali per i quali non è possibile calcolare l’Isee ai sensi del Dpcm 159 del 2013, art 8, verseranno una tassazione fissa come indicato di seguito:

Paesi in via di sviluppo*
Totale €500; I rata €150; II rata€175; III rata €175; Tassa regionale €140

Tutti gli altri Paesi
Totale €1.000; I rata €300; II rata€350; III rata €350; Tassa regionale €140

*Elenco dei Paesi in via di sviluppo di cui al Decreto Mur 156/2021 
Afganistan, Bangladesh, Benin, Bhutan, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Central African Republic, Chad, Comoros, Congo Democratic Republic, Djibouti, Eritrea, Ethiopia, Gambia, Guinea, Guinea Bissau, Haiti, Kiribati, Korea Dem. Rep., Lao People's Democratic Republic, Lesotho, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Mozambique, Myanmar, Nepal, Niger, Rwanda, Sao Tome & Principe, Senegal, Sierra Leone, Solomon Islands, Somalia, South Sudan, Sudan, Tanzania, Timor-Leste, Togo, Tuvalu, Uganda, Yemen, Zambia, Zimbabwe.

Scadenze

I contributi sono suddivisi in tre rate: la prima rata va pagata entro le scadenze riportate sul bando se sei una matricola, a partire dal 1° settembre ed entro il 4 novembre 2021 se sei iscritto ad anni successivi al primo. La seconda rata va pagata entro il 22 dicembre 2021, la terza entro il 30 marzo 2022.

Per chi si iscrive ad anni successivi al primo e per chi si immatricola a un corso che non prevede il numero programmato degli accessi
prima rata entro il 4 novembre 2021;
seconda rata entro il 22 dicembre 2021;
terza rata entro il 30 marzo 2022

Per chi si immatricola a un corso ad accesso programmato
prima rata entro la scadenza indicata sul bando che regola l’accesso al corso;
seconda rata entro il 22 dicembre 2021;
terza rata entro il 30 marzo 2022

Per chi si immatricola ai corsi di laurea magistrale biennale con verifica dei requisiti e della personale preparazione
Le scadenze variano in base alla data di conseguimento della laurea
Consulta l'art. 8 punto 6 del Manifesto generale degli studi 
Il bollettino dovrà essere stampato dal sistema Infostud.

Sovrattasse per pagamenti in ritardo. Per i pagamenti in ritardo è prevista una sovrattassa di 65 euro che raddoppia in caso di ritardo superiore ai 60 giorni naturali e consecutivi.

Pagherà una sovrattassa di 65 euro:
-      chi verserà i contributi di iscrizione per la prima rata a partire dal 5 novembre 2021 (se iscritto ad anni successivi al primo)
-      chi verserà i contributi di iscrizione per la seconda rata a partire dal 23 dicembre 2021;
-      chi verserà i contributi di iscrizione per la terza rata a partire dal 31 marzo 2022;

Pagherà una sovrattassa di 130 euro:
-      chi verserà i contributi di iscrizione per la prima rata a partire dal 4 gennaio 2022;
-      chi verserà i contributi di iscrizione per la seconda rata a partire dal 21 febbraio 2022;
-      chi verserà i contributi di iscrizione per la terza rata a partire dal 30 maggio 2022;

Pagamenti dopo il 26 giugno 2022. Chi non paga le rate mancanti entro il 26 giugno 2022 dovrà attendere l’apertura del nuovo anno accademico per poter regolarizzare la propria posizione.

Detrazioni fiscali sui contributi di iscrizione: solo su pagamenti tracciabili

La legge di bilancio 2020 del 27 dicembre 2019 ha introdotto una novità sul pagamento dei contributi di iscrizione: dal 1 gennaio 2020, per poter fruire delle detrazioni fiscali sulle spese per la frequenza di corsi di istruzione universitaria, è necessario eseguire i pagamenti con modalità tracciabili.
Pertanto non sarà più possibile richiedere le detrazioni fiscali se i contributi di iscrizione all'università saranno versati in contanti allo sportello.
Fonte: legge 27 dicembre 2019, n. 160, art.1 comma 679
Vai alla pagina della Gazzetta ufficiale

Importi per le Scuole di specializzazione 

Per gli importi e le scadenze invitiamo a consultare la pagina web delle Scuole 
I Corsi di specializzazione non usufruiscono di riduzioni in base all’Isee.

Importi per i Master di I e II livello

Le tasse di iscrizione ai Master variano a seconda del Corso prescelto e sono indicate, unitamente alle scadenze, nel relativo bando di concorso.
I Master non usufruiscono di riduzioni in base all’Isee.
Vai alla pagina Master

© Sapienza Università di Roma - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma - (+39) 06 49911 - CF 80209930587 PI 02133771002